Ufo News Uncategorized

La casa di Bob Lazar è stata perquisita dagli agenti dell’FBI

Come riporta il noto blog Universo7p La casa di Bob Lazar è stata perquisita dagli agenti dell’FBI dopo che aveva annunciato di rilevare nuove informazioni sulla vita alieni

Bob Lazar è noto a tutti per aver scatenato una frenesia aliena 30 anni fa, quando annunciò di aver lavorato su alcune navicelle extraterrestri all’interno dell’Area 51. 
Nel 1989, con l’aiuto del giornalista George Knapp, Lazar ha descritto una storia a dir poco incredibile sostenendo di aver lavorato in una base militare meglio conosciuta come S-4, a sud dell’aeroporto dell’USAF a Homey .
Egli ha ipotizzato che la struttura ausiliaria situata nel deserto del Nevada fosse utilizzata dal governo degli Stati Uniti per sfruttare una tecnologia aliena. Tuttavia, in seguito alla sua rivelazione, Lazar ha voluto rimanere in silenzio per quasi 30 anni. Con l’aiuto del regista investigativo Jeremy Corbell, lo scienziato ha rivisitato le sue precedenti affermazioni. 
Corbell ha trascorso gli ultimi anni a scavare nel background professionale del 59enne e controverso ricercatore prima di produrre il suo nuovo film “Bob Lazar: Area 51 & Flying Saucers”. 
Egli riferisce di essere alla ricerca di alcuni documenti di due anni fa su un cliente che aveva ordinato del materiale estremamente tossico.
Lazar sostiene che l’agenzia governativa stava cercando un particolare tipo di materiale chiamato Elemento 115, una sostanza chimica che si diceva fosse utilizzata per alimentare astronavi aliene. 
Negli anni ’90, si diceva che Lazar fosse riuscito a far uscire di nascosto dalla struttura top secret dei documenti altamente imbarazzanti circa l’esistenza di questo misterioso materiale anche oggi se si rifiuta di discutere le numerose speculazioni che circolano sulla sua strana storia. 
Questo potrebbe spiegare perché la scorsa settimana la sua abitazione è stata messa a soqquadro da alcuni agenti federali (FBI) che hanno provveduto a sequestrare un discreto numero di documenti. 
Probabilmente cercavano qualche scomodo segreto relativo al fantomatico elemento 115. Allo stato attuale non sono emerse altre indiscrezioni circa l’improvviso blitz dei federali statunitensi. 

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *