Misteri

Il ricercatore David S. Montaigne:La vera data della profezia Maya è il 21 dicembre 2019

ufo-spain.com Per anni è stato ipotizzato che il 21 dicembre 2012 il mondo come lo conosciamo sarebbe finito. Alcuni hanno predetto che saremmo stati eliminati da un disastro naturale come un enorme tsunami, un potente terremoto o un’eruzione vulcanica.

Altri credevano che quello stesso giorno di dicembre, un misterioso pianeta si sarebbe scontrato con la Terra, il che avrebbe causato cambiamenti di poli magnetici, inversioni gravitazionali o un buco nero così grande che il nostro sistema solare sarebbe semplicemente scomparso.

Ed è arrivato il 22 dicembre 2012 e non è successo nulla. Il mondo continua a girare come se nulla fosse successo nei mesi precedenti. La pazzia per la fine del mondo si è dissipata allo stesso modo di tutti coloro che hanno annunciato l’imminente fine dell’umanità. Poi è stato il turno degli scettici, che hanno criticato i credenti che denunciavano duramente di aver approfittato dell’ingenuità della gente.

Ma cosa accadrebbe se i calcoli degli esperti non fossero stati corretti? E se l’Apocalisse predetta dai Maya dovesse ancora venire? Un ricercatore ora assicura che la fine dei tempi sarà il 21 dicembre 2019, esattamente sette anni dopo la predizione Maya.

David S. Montaigne, uno scrittore e indipendente ricercatore, dice che non è correttamente interpretato l’Apocalisse Maya nel 2012, e ha detto che il vero giorno del giudizio sarà nel 2019. Secondo Montaigne, l’apocalisse del 2012, sulla base del calendario Maya è stato solo l’inizio di un periodo di tribolazione di sette anni, e quest’anno segna il completamento di questo periodo di tempo.

Il ricercatore sostiene che la vera apocalisse inizierà il 21 dicembre 2019, esattamente sette anni dopo che il calendario Maya predisse l’inevitabile giorno del giudizio finale. Ma va oltre nella sua predizione, assicurando che, il 28 dicembre, sette giorni dopo il 21 dicembre, ci sarà uno spostamento dei poli sulla Terra, e che i disastri naturali si scateneranno in tutto il pianeta. Inoltre, Montaigne ritiene che i prossimi eventi sulla Terra adempiranno alle profezie bibliche menzionate nel libro sacro migliaia di anni fa.

Ma questa non è la prima volta che Montaigne rivela la nuova data della fine dei tempi. Nel 2013 ha pubblicato un libro intitolato “End Times e 2019: la fine del calendario Maya e il conto alla rovescia per il giorno del giudizio finale”, in cui ha spiegato che la fine del lungo account Maya del 21 dicembre 2012 era davvero l’inizio ufficiale dei sette anni di tribolazione della Bibbia. Entrambi si sono concentrati sugli stessi eventi astronomici che si verificano dal 2012 al 2019. Quindi il mondo come lo conosciamo si concluderà nel 2020.

Lo scrittore spiega che i testi dell’antica India ci parlano di grandi cicli di distruzione. Gli egiziani hanno raccontato la stessa storia con nomi diversi. I Maya ha rivelato un’altra versione della storia, ed erano molto chiaro circa il calendario degli eventi dal dicembre 2012 al 2019. Ma Montaigne ritiene inoltre che l’élite sanno cosa sta per accadere e hanno messo anni a preparare in segreto e senza preavviso alla popolazione per evitare il caos. E questo ci porta al fatto che i segni astronomici indicano che l’inevitabile apocalisse si verificherà quest’anno.

Gli scettici hanno criticato la nuova previsione di Montaigne, assicurando che qualche anno fa ha previsto che l’Anticristo sarebbe venuto nel 2016 o Barack Obama era in realtà Lucifero e sarebbe la causa della fine dei tempi.

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *