L'origine della razza umana? Occultata dalle religioni e dai governi
Misteri

L’origine della razza umana? Occultata dalle religioni e dai governi

A quanto pare di ritrovamenti che vanno in conflitto con le teorie ufficiali ce ne sono moltissimi. Perché nessuno (o pochi) ne parla? Perché c’è così tanta disinformazione secondo lei?


“La ragione principale è che i sostenitori delle teorie correnti subiscono un forzato monopolio governativo nel sistema dell’educazione dei vari paesi del mondo. Quindi tutti sono portati a credere che solo le prove che supportano le teorie correnti siano legittime.

Sono convinti che tutti gli altri tipi di prove siano illegittime, da non considerare seriamente. Io invece credo che le alternative alla corrente teoria darwiniana sull’evoluzione debbano essere ammesse nel sistema ufficiale dell’educazione.

Di solito, non ci piace che il governo ci dica che possiamo guardare solo un canale televisivo o comprare un tipo di automobile. Ma oggi chi ci governa ci sta dicendo che noi e i nostri figli possiamo imparare attraverso il sistema dell’educazione un’unica idea sulle origini della razza umana. Questo non è molto positivo per società che amano avere un’opinione di se stesse come libere e aperte. Quindi penso che sia necessaria un po’ più di apertura nel sistema dell’educazione mondiale”.

L'origine della razza umana? Occultata dalle religioni e dai governi
L’origine della razza umana? Occultata dalle religioni e dai governi

Cosa ne pensa dei famosi “scheletri giganti”? Si tratta di un’altra razza ancora?
“Anche secondo la scienza ordinaria, nel passato molte piante e animali erano più grandi. Quindi forse anche gli esseri umani erano più grandi. Penso che questo sia senz’altro possibile. Ci sono molti rapporti che documentano il ritrovamento di scheletri umani di grandi dimensioni. Sul web si vedono spesso fotografie di queste cose, ma sfortunatamente sembrano dei falsi. Uno non può veramente ritrovare lo scheletro reale. Quindi sì, credo che nel passato siano esistiti esseri umani di grandi dimensioni, ma sto ancora cercando delle conferme definitive di questo nella forma dei resti degli scheletri giganti”.

C’è qualcosa che vorrebbe far sapere ai nostri lettori?
“Le cose di cui stiamo parlando qui non sono solo oscuri argomenti per pochi scienziati e filosofi che discutono nelle loro torri d’avorio. Queste cose toccano la vita di tutti noi.

Gli scopi che prefiggiamo per noi stessi, individualmente e collettivamente, sono largamente determinati dal nostro senso di identità personale. Se io penso “sono un uomo americano” allora mi comporto come tale, nel bene o nel male. Quindi i nostri scopi dipendono da come rispondiamo alla domanda: “Chi sono io?” e “Da dove vengo?” Per i trascorsi 150 anni, attraverso il loro monopolio sul sistema educativo, gli evoluzionisti hanno avuto il potere di dettarci le loro risposte a queste importanti domande. E le risposte che hanno dato sono molto materialiste. Dicono che siamo solo macchine fatte di materia.

Quindi non sorprende il fatto che i nostri scopi siano diventati molto materialistici. Molta gente pensa che produrre e consumare sempre più cose materiali sia lo scopo principale della vita umana. Io credo che questa crescita di produzione e consumo di cose materiali sia la causa principale delle nostre crisi ambientali. Gli evoluzionisti dicono che non solo siamo macchine fatte di materia, ma che siamo macchine fatte di materia in competizione con gli altri per sopravvivere.

Dunque non sorprende il fatto che troviamo conflitti ad ogni livello: conflitto tra individui, tra classi, tra razze, tra nazioni, e anche conflitto tra religioni. Come possiamo cambiare tutto questo? Penso che abbiamo bisogno di nuove risposte alle domande “chi siamo?” e “da dove veniamo?” Io credo che siamo tutti esseri di pura coscienza provenienti dalla stessa sorgente. Se queste fossero state le idee dominanti nella società, avremmo avuto un tipo di società diversa.

Loading...

Se veramente capissimo che siamo esseri di pura coscienza, saremmo capaci di essere felici così, piuttosto che dopo aver raggiunto sempre più cose materiali. Questo aiuterebbe a risolvere le nostre crisi ambientali. Se veramente capissimo che siamo tutti esseri di pura coscienza, tutti provenienti dalla stessa sorgente, la smetteremmo di relazionarci con gli altri sulla base di differenze esterne come la razza, la nazionalità, e la religione. E questo aiuterebbe a ridurre il livello di conflitto nel mondo”.

affaritaliani.it

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *