Misteri

Un professore Usa annuncia: Su Marte ci sono insetti, ho le prove

Un professore Usa annuncia: Su Marte ci sono insetti

La Nasa avrebbe trovato le prove della presenza di forme di vita su Marte. A darne notizia, tuttavia, non è stata l’agenzia spaziale statunitense ma William Romoser, professore emerito ed entomologo della Ohio University. Secondo l’esperto, nelle fotografie realizzate nel corso degli anni dai rover Curiosity e Spirit, vi sono le prove inconfutabili che ancora oggi ci ostiniamo a non voler vedere. Romoser avrebbe individuato i resti fossili di creature simili a rettili e persino insetti vivi.

L’entomologo, specializzato in arbovirologia e entomologia medica e generale, ha analizzato una moltitudine di file disponibili sul Web, trovando persino delle lontane parenti delle nostre api… e alcune potrebbero essere ancora vive e vegete. “C’è stata e c’è ancora vita su Marte – dice con convinzione il dottor Romoser -. Esiste un’apparente diversità tra la fauna marziana simile ad un insetto che mostra molte caratteristiche simili agli insetti terrestri che interpreto come gruppi avanzati (la presenza di ali, la loro flessione, il volo agile ed altri elementi delle zampe)”.

Un professore Usa annuncia: Su Marte ci sono insetti
Un professore Usa annuncia: Su Marte ci sono insetti, ho le prove


Lo scienziato ritiene che la Nasa abbia sufficienti elementi per confermare la notizia, ma per qualche motivo l’annuncio tarda ad arrivare. L’analisi delle immagini è stata accurata. “Una volta identificata e descritta un’immagine chiara di una determinata forma – ha detto Romoser – è stata utile per facilitare il riconoscimento di altre immagini meno chiare, ma comunque valide, della stessa forma base”. Nei video catturati dai rover su Marte, prosegue il professore emerito, è possibile vedere chiaramente forme di artropodi, simili a insetti terrestri. Alcune creature ricordano vagamente bombi e api, che nidificano presumibilmente in grotte. Romoser, 45 anni e co-fondatore del Tropical Disease Institute, ritiene di aver visto anche i resti fossili di un serpente.

Un professore Usa annuncia: Su Marte ci sono insetti

“La presenza di organismi metazoi superiori su Marte – conclude lo scienziato – implica la presenza di fonti e processi di nutrienti / energia, catene e reti alimentari e acqua come elementi che funzionano in un ambiente ecologico, seppure estremo, sufficiente a sostenere la vita. Ho osservato casi suggestivi di acqua stagnante o piccoli corsi d’acqua. Noto piccole rocce sommerse, rocce più grandi, un’area umida a riva e un’area più asciutta oltre l’area umida. L’acqua su Marte è stata segnalata più volte, compresi i rilievi fatti dalle strumentazioni di Viking, Pathfinder, Phoenix e Curiosity. Le prove di vita su Marte presentate qui forniscono una base solida per molte altre importanti questioni biologiche, nonché sociali e politiche”.

Lo scienziato si dice pronto a rivedere la propria tesi, ma è comunque sicuro della presenza di forme di vita sul Pianeta Rosso. “Sebbene una determinata immagine non provi di per sé nulla – ha concluso – credo che il mosaico di ciò che ho descritto sia avvincente. Ritengo che la ricerca qui riportata sia replicativa e senza supporto. È chiaro che è necessario molto più studio delle foto”.

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *