L'occhio di Horus e la ghiandola pineale

L’occhio di Horus e la ghiandola pineale: somiglianze enigmatiche legate al cervello e alla mente

L’ occhio di Horus  e la ghiandola pineale: somiglianze nelle loro forme. Un segreto del cervello noto agli egiziani e ai loro dei?

La ghiandola pineale si trova al centro del cervello . Quella regione del cervello ha una sorprendente somiglianza con la forma del simbolo dell’Occhio di Horus . Ciò potrebbe indicare che gli egiziani sapevano che questa parte del cervello nasconde nell’essere umano un segreto di visione e una capacità mentale superiore (associata al terzo occhio ).

La ghiandola pineale è una piccola ghiandola a forma di pigna . Il suo ruolo è regolare il ciclo del sonno e l’umore attraverso la secrezione di melatonina. Da parte sua, l’occhio di Horus è un simbolo divino egizio utilizzato per la protezione spirituale e psichica , inoltre forniva una buona salute, secondo la tradizione.

L’occhio di Horus e la ghiandola pineale: con la stessa forma

Le moderne dottrine esoteriche, come la teosofia di Helena Blavatsky , stabiliscono che la ghiandola pineale è in realtà il terzo occhio stesso . La ghiandola pineale verrebbe ridotta, sebbene possa essere attivata con la meditazione, i sogni lucidi e le pratiche buddiste come lo yoga .

La ghiandola pineale si trova tra i due emisferi del cervello, nell’epitelamo (sopra il talamo). Nell’immagine sopra notiamo che la ghiandola è collegata agli occhi . Collegato attraverso il ganglio cervicale superiore e il corpo calloso (corpo calloso). Con il corpo calloso iniziamo a vedere la somiglianza con la forma dell’occhio di Horus , poiché assomiglia al sopracciglio.

L'occhio di Horus e la ghiandola pineale
L’occhio di Horus e la ghiandola pineale

Il talamo (talamo) assomiglia alla cornea dell’occhio e la ghiandola pineale è il punto di partenza della figura dell’occhio . Da parte sua, l’ ipotalamo è rappresentato dalla linea verticale dell’occhio di Horus e la spirale si snoda verso il cervelletto .

Mitologia dell’occhio di Horus e dei suoi attributi magici

Horus era un dio del cielo (rappresentato da un potente falco). Nella mitologia egizia, la sua storia inizia con Set , dio del caos, che uccide suo fratello Osiride , smembrandolo in 14 parti. Iside , moglie di Osiride, raccolse le parti del suo corpo e riuscì a resuscitarlo . Già resuscitato, Iside lo prende e concepisce Horus con lui .

Già maggiorenne, Horus combatté contro Set, perdendo un occhio quando Set lo strappò e lo fece a pezzi. Tuttavia, Thoth , dio della magia e della scienza, prende i pezzi dell’occhio e lo fa rivivere, creando l’amuleto dell’Udyat (Occhio di Horus).

Nell’antico Egitto, l’occhio di Horus era usato come talismano per rinnovare l’energia spirituale, proteggere dagli spiriti maligni e curare le malattie . Ha anche migliorato le capacità psichiche delle persone, come l’intuizione, la visione remota e il sogno lucido.

Loading...

Come abbiamo detto, la ghiandola pineale è ora associata al terzo occhio , e l’Udyat di Horus è sempre stato visto come un’illustrazione egizia di quell’occhio psichico umano che fornisce una visione extrasensoriale.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *